Una delle paure tipiche dell’uomo è quella del cane, in termine scientifico Cinofobia, e le ragioni di questo timore possono essere varie. Generalmente è legata ad un fatto che ci ha traumatizzati quando eravamo piccoli, e che nella crescita si tramuta in vera e propria fobia. Esistono dei rimedi che possono aiutarci a superare la paura dei cani, nel nostro articolo andremo a vedere dunque, tutto quello che c’è da sapere in merito a questo argomento.

Paura del Cane: spesso ha inizio quando siamo bambini

Sebbene non sia questa l’unica ragione per cui si possa manifestare la paura del cane, si può dire che rappresenti il caso in assoluto più frequente. Da bambini i movimenti che produciamo quando siamo in presenza di un cane, specialmente quando siamo nell’età in cui si gattona, sono percepiti dall’animale in modo diverso da quello che invece rappresentano.

L’animale non sapendo a cosa possa andare incontro, comincerà a maturare l’idea di doversi difendere. Anche un semplice abbaio del cane, quando si è in età infantile, può avere serie conseguenze nella percezione futura dell’animale stesso. Quando saremo grandi quel trauma rimasto fermo nella nostra mente si tramuterà in Cinofobia. In questo caso giocano un ruolo fondamentale i genitori, che dovranno spiegare ai piccoli quello che è successo, in modo che nella sua mente elaborino e superino quanto accaduto.

Paura dei Cani: diverse fobie

La paura dei cani si presenta in diversi livelli di gravità, si va infatti da una paura più lieve che è quella legata all’interazione con i cani, a quella più grave, dove si prova paura anche solo vedendo un’immagine che ritrae un cane. Dunque, trattare questo genere di fobia non è sempre semplice, soprattutto richiede approcci sempre diversi in base appunto alla gravità.

Per cercare di superare questa problematica, non avendo quindi più paura quando ci troviamo di fronte ad un cane, dobbiamo conoscere alcune cose in merito all’atteggiamento da tenere in loro presenza. Prima di entrare nel merito, non ci dobbiamo dimenticare che non è il cane ad avere problemi con noi, ma esattamente il contrario. Entriamo adesso nel dettaglio dell’argomento per sapere come superare la paura del cane, potendo condividere lo stesso spazio e potergli passare a fianco senza alcun problema.

Paura del cane: come comportarsi

Teniamo presente che i cani percepiscono e notano qualsiasi strano movimento noi facciamo, quindi, irrigidirsi quando ci troviamo di fronte a loro, muoversi bruscamente o urlare, sono atteggiamenti che non fanno altro che attirare la loro attenzione, rischiando così di farli mettere sulla difensiva e quindi andare incontro ad una situazione ancora più seria.

Cosa fare dunque? Ecco il vademecum per affrontare il cane in totale serenità quando ce lo troviamo davanti:

  • Respirare profondamente per non farsi prendere dal panico. Mai guardarlo negli occhi e passare largo, in modo da mostrare al cane che non abbiamo intenzione di occupare il suo spazio ma che anzi, gli lasciamo via libera. Una tecnica che funziona sempre è quella di scegliere un punto in lontananza con l’obiettivo di raggiungerlo e andare verso di esso. Questo sistema vi permetterà di distogliere l’attenzione dall’animale e quindi di passare al suo fianco senza problemi emozionali.
  • È necessario evitare movimenti bruschi e di muovere le braccia in qualsiasi modo tranne che per metterle in tasca. Qualsiasi movimento degli arti anteriori incontrollato è subito percepito.
  • Ultimo consiglio ma non per ordine di importanza, è quello di distogliere lo sguardo dal cane e rivolgerlo altrove, fissarlo negli occhi può essere preso da lui come gesto di sfida.

Paura dei cani: l’interazione

Una volta compresa la paura del cane, e come muoversi in sua presenza, c’è la seconda fase in cui si comincia a condividere lo spazio con lui. Non parliamo di vera e propria interazione, ma di condivisione dell’area di movimento. Ci si reca da un esperto di cani e si cominciano a fare delle passeggiate con il cane in compagnia dell’addestratore, inizialmente sarà colui a portare il cane al guinzaglio. Con il tempo, il guinzaglio che ha tenuto l’addestratore passa a noi, abituandoci non solo a portare il cane in giro, ma farlo in assoluta serenità e senza paura.

Se il nostro intento è solo quello di superare la paura del cane, non avendo intenzione di divenire padroni di un cucciolo, a questo punto avremo superato i vostri limiti non avendo più alcun timore.