Sono le 6, il sole sta sorgendo, un nuovo giorno è appena cominciato. Ti svegli… e il tuo cuscino è bagnato, zuppo. Imbarazzante, vero? Ti asciughi gli angoli della bocca, ti stiracchi e ancora stanco ti chiedi, perché? Perché si sbava mentre si dorme? Qual è il problema?

Non preoccuparti, di seguito ti forniremo informazioni utili e complete sulle cause più comuni di un’elevata salivazione notturna e che cosa si può fare per non svegliarsi con il viso umido.

Perché si sbava mentre dorme: le cause

Il corpo produce normalmente più di un litro di saliva al giorno. È prodotta dalle ghiandole salivari e di solito viene inghiottita e rifatta circolare attraverso il flusso sanguigno. Si sbava quando la saliva si raccoglie all’interno della bocca e, invece di essere inghiottita, gocciola o fluisce davanti alle labbra. Ma perché questo si verifica la notte?

La risposta più semplice è che durante il sonno la bocca è aperta.

I muscoli del corpo si rilassano nel sonno, in particolare durante la fase REM, ed è possibile che la bocca si apra. Alcuni esperti suggeriscono che la posizione del sonno possa influire e chi dorme su un fianco può facilmente lasciare andare la saliva invece di inghiottirla.

Uno dei motivi principali per cui di notte la bocca rimane aperta è che non riesci a respirare bene attraverso il naso. Noi siamo fatti per respirare con il naso, ma se ci blocca la congestione, dobbiamo per forza puntare sulla bocca per far entrare e uscire l’aria. Se questo si verifica durante il sonno, la saliva può sbavare sul cuscino.

La congestione nasale può verificarsi a causa di un raffreddore o di un’allergia come la febbre da fieno. Anche un setto nasale deviato può bloccare il naso e spostare la respirazione sulla bocca. Ne conseguono problematiche può serie e fastidiose come il russare e l’apnea notturna.

Inoltre, un’eccessiva salivazione (scialorrea) può essere prodotta da alcuni farmaci o altre condizioni mediche. Può essere associata a difficoltà di deglutizione che è una conseguenza a lesioni cerebrali, ictus o morbo di Parkinson. Questo però porta a sbavare anche durante il giorno. Anche il reflusso gastroesofageo o il bruciore di stomaco fanno sì che si sbavi la notte.

Allergie e infezioni

Se il corpo è allergico a qualcosa o c’è un’infezione in corso, si potrebbe produrre più saliva per spingere le tossine fuori dall’organismo. Questo può farci sbavare nel sonno. Le condizioni che possono causare questa reazione sono:

  • allergie stagionali – associate a prurito agli occhi, naso che cola, starnuti
  • faringiti e tonsilliti – associate a difficoltà di deglutizione, mal di gola
  • apnea notturna

Qui vige un discorso a parte. La saliva può scappare dalla bocca in modo involontario ed è più probabile che accada quando non sei cosciente e in grado di controllarlo ossia quando stai dormendo. Dormire su un fianco o a pancia sotto permette di avere una facile via di fuga dalla bocca. Dormire supini può contribuire a contenere la situazione ed evitare spiacevoli inconvenienti il mattino successivo.

L’apnea notturna è un disturbo del sonno che riduce o chiude le vie aeree che vengono ripetutamente bloccate durante il sonno. L’apnea centrale del sonno si verifica quando il cervello non invia i segnali giusti per la respirazione. Ciò porta a un modo irregolare di respirare e, di conseguenza, a una produzione eccessiva di saliva e bava.

Effetti collaterali di farmaci

A volte alcuni medicinali possono aumentare la quantità di saliva che il corpo produce, soprattutto farmaci che trattano disturbi psichiatrici, morbo di Alzheimer e miastenia grave, una malattia neuromuscolare che provoca debolezza dei muscoli scheletrici.

Trattamenti

In generale non è necessario trattare l’eccessiva salivazione notturna da sola. Se si verifica ogni tanto può essere fastidioso ma non necessita di cure. No, non porterà a disidratazione o infezioni. Può essere però utile trattare la congestione nasale, se è questa è la causa.

In caso di apnea notturna, la situazione è da valutare e da tenere sotto osservazione. E quando sono presenti altre condizioni mediche che impediscono la deglutizione, possono essere prescritti dei farmaci sotto forma di gocce.

Ora sai può capitare di sbavare nel sonno e cosa fare per alleviare e prevenire questa fastidiosa condizione. Ma non preoccuparti se domani mattina ti sveglierai con la guancia bagnata, asciugati e comincia la tua giornata.